img_big
News

Grosso Canavese, sassi contro l’auto in corsa: operaio salvo per miracolo

Grosso. Ha rischiato la propria incolumità per uno scherzo di cattivo gusto fatto da qualche teppista lungo via circonvallazione, la lunga arteria che dalla provinciale 2 conduce al centro di Grosso Canavese.

Qualcuno, infatti, venerdì sera ha tirato dei calcinacci verso l’auto guidata da Luigi Allamano, un 23enne operaio della cartiera Ahlstrom che proprio in quegli istanti si stava recando a lavoro per il turno serale prima del week-end. È lo stesso Luigi a raccontare cosa sia accaduto quella sera: «Stavo andando a lavoro quando qualche deficiente si è divertito a lanciare delle macerie sulla carreggiata. Sulle prime, quando ho visto rompersi il vetro del parabrezza, ho pensato di aver investito qualcuno. Ma sono troppo attento alla guida e così, dopo essermi fermato, sono sceso e ho visto come a terra non ci fosse nessuno, ma solo due calcinacci delle dimensioni di una boccia da gioco». Non sarà facile, per i carabinieri, dare un’identità agli autori del folle gesto, visto che sono riusciti a scappare senza lasciare una traccia.

Dopo che la monovolume, una Fiat Punto, è stata spostata, il ragazzo è stato accompagnato in ospedale: nei minuti successivi alla disavventura, infatti, ha accusato i chiari sintomi del colpo di frusta. Per lui la prognosi è di dieci giorni. «E adesso devo sperare che l’assicurazione mi copra il danno che qualche teppista privo di senno mi ha procurato al parabrezza. Ma a parte il danno, per fortuna è andata bene e me la sono semplicemente cavata col collare, anche se continuo ad avere male all’occhio per via della polvere di vetro finita in un occhio».

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo