img_big
News
Il 15enne prima dice di essere stato aggredito, ma poi confessa

LA FUGA. Scappa per la paura degli esami. Lo ritrovano ferito in montagna

Il suo timore era quello di non riuscire a superare gli esami di riparazione che doveva sostenere proprio questa mattina. Una paura legittima, figlia di una pagella ritirata a giugno con voti non eccellenti, e che ha letteralmente mandato in tilt un ragazzino di 15 anni residente a Giaveno. A tal punto da indurlo a prendere uno zaino, a mettervi all ‘ interno un paio di jeans, due magliette e qualche oggetto personale con il chiaro obiettivo di scappare dalla propria abitazione. Mercoledì è partito, diretto sulle montagne, e ha raggiunto l’alpeggio Prese Brunet, nel territorio di Coazze. Poi si è allontanato, ma è tornato ieri mattina, ferito, con una costola rotta. I margari hanno lanciato l’allarme e sul posto sono intervenuti i soccorritori con un elicottero. «Mi hanno aggredito alcuni ragazzi», avrebbe detto a chi l’ha portato al Cto. Salvo poi cambiare versione con i carabinieri, davanti ai quali avrebbe ammesso di esserse caduto durante la notte trascorsa all’addiaccio.

Un gesto figlio della paura, che ha creato non poche preoccupazioni alla sua famiglia, con papà e mamma che non vedendolo tornare a casa nella serata di mercoledì avevano deciso di denunciare l’accaduto ai carabinieri della locale stazione. Resta ora da vedere se questa mattina sosterrà gli esami di riparazione, che ora rischia di saltare per infortunio.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo