img_big
News
La donna è stata costretta ad aprire la porta al malvivente

PAURA IN COMUNE. Punta una pistola all’impiegata e svaligia la cassa del municipio

Rapina a mano armata in Comune, svaligiata la cassa del municipio. Sono stati attimi di grande paura e tensione quelli vissuti la scorsa mattina a Ciconio, paese di circa 350 abitanti tra le popolose Rivarolo Canavese e Ozegna.

Poco dopo le 9 di mattina, u n’impiegata comunale al momento di entrare a palazzo di città è stata avvicinata da un uomo sulla quarantina. Il malvivente, che ha agito a volto scoperto, ha improvvisamente estratto dalla tasca una pistola e l’ha puntata contro la donna intimandole, con un forte accento straniero, di aprire la porta. Si è trattato di un vero e proprio blitz, messo a segno con un’azione fulminea in un momento in cui in Comune non c’erano altri dipendenti e amministratori in servizio. Una volta all’intero dell’edificio il rapinatore si è fatto consegnare le chiavi della cassaforte, ha raccolto tutto il denaro presente in cassa ed è fuggito con il malloppo. La dipendente comunale ha immediatamente dato l’a ll ar me , chiamando il 112. Sul posto sono intervenute diverse gazzelle dei carabinieri della compagnia di Ivrea, ma ormai l’autore della rapina aveva fatto perdere le proprie tracce. Non è escluso che, non molto lontano dal luogo del raid, ci fosse un complice ad attenderlo a bordo di un’automobile.

Il bottino del colpo-lampo ammonta a qualche migliaio di euro. Sull’accaduto sono in corso le indagini delle forze dell’ordine. Da valutare anche l’ipotesi secondo cui inizialmente nel mirino del rapinatore ci fosse l’ufficio postale di Ciconio, adiacente al Comune, ma aperto solo il mercoledì e il venerdì.

« Per fortuna, a parte un grande spavento, non ci sono stati feriti – ha commentato il sindaco, Fabrizio Ferrarese -. Gli uffici comunali resteranno chiusi per qualche giorno per tutti gli accertamenti del caso. Contemporaneamente valuteremo con attenzione quali interventi e soluzioni apportare per evitare che si ripetano certi episodi ».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo