img_big
News
Tensione in un’abitazione della periferia, sul posto anche il sindaco Serafino Ferrino

TENSIONE NEL TORINESE. Pesta il fratello minore davanti alla madre. Lo manda all’ospedale e si barrica in casa

Ha litigato con il fratello, l’ha picchiato e poi si è barricato in casa, tenendo in ansia parenti e amici per lungo tempo.

Tensione alle stelle, ieri pomeriggio, alla periferia di Favria, dove sono dovuti arrivare i carabinieri del nucleo radiomobile di Ivrea per sedare gli animi e riportare la situazione alla calma in una abitazione di strada Levata. Intorno alle 14,30 alcuni vicini hanno chiamato il 112 per richiedere l’intervento di una pattuglia. Prontamente giunti sul posto, i militari dell’arma di Ivrea hanno trovato una donna di 49 anni, che ha riferito della accesa lite intercorsa tra i suoi due figli di 26 e 30 anni. Da una prima ricostruzione dei fatti, i due fratelli avrebbero discusso per questioni di carattere privato. Dalle parole i due sono quindi passati ai fatti con il 30enne che ha violentemente malmenato il fratello più piccolo. Nella colluttazione sarebbe stata colpita anche la madre, che ha inutilmente tentato di fermare lo scontro. Il figlio più giovane è riuscito a sottrarsi alle percosse del primogenito, rifugiandosi in strada, dove successivamente è stato soccorso dal personale del 118. Lievemente ferito, è stato precauzionalmente accompagnato al pronto soccorso di Cuorgnè per le cure del caso.

L’aggressore, invece, dopo aver dato in escandescenza si è barricato in casa. L’uomo è stato tranquillizzato e riportato a più miti consigli dai militari dell’arma, che sono riusciti ad entrare nell’abitazione insieme ai vigili del fuoco di Rivarolo e Ivrea. In strada Levata oltre ai pompieri è accorso anche il sindaco di Favria, Serafino Ferrino, che ha seguito l’evolversi della vicenda. Quanto successo è ora al vaglio delle forze dell’ordine, che verificheranno se la lite possa nascondere profili suscettibili di conseguenze penali, procedendo eventualmente d’ufficio.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo