img_big
Animali Rubriche
In auto con il proprio cane, arriva il vademecum dell’Aidaa

In viaggio con Fido: cinque consigli per farlo viaggiare comodo

In auto con il proprio cane. Sono tante le famiglie italiane che si stanno spostando proprio in questi giorni in prossimità del Ferragosto. Per far sì che anche il nostro amico a quattro zampe viaggi comodo, basta solo qualche accorgimento. Sono cinque i preziosi consigli dell’associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (Aidaa) rivolti ai padroni automobilisti da tenere a mente prima di salire a bordo.

I CINQUE CONSIGLI DELL’AIDAA
1- Sono tre i modi che si possono usare per trasportare il cane: il trasportino rigido, la cintura di sicurezza per il cane e la rete divisoria rigida in modo che l’animale possa liberamente muoversi. Ovviamente occorre ricordare che il nostro amico va abituato al sistema prescelto con qualche giorno di anticipo.
2- Non dimenticate di portare il suo gioco ed il suo cuscino preferito, lo aiuteranno a distrarsi e a sentirsi un po’ a casa e viaggerà così molto più rilassato.
3- Prevedere una fermata ogni due ore per permettere al cane di sgranchirsi le gambe e liberarsi dei suoi bisogni, inoltre si distrarrà un poco rendendo più piacevole il suo viaggio.
4- Portate sempre dell’acqua non fredda, questo gli permetterà di dissetarsi (poca acqua alla volta); per prevenire il mal d’auto invece è buona cosa che il cane viaggi a stomaco vuoto e quindi è bene non dargli da mangiare per almeno 5 o 6 ore prima della partenza.
5- Tenere il condizionatore dell’auto acceso su una funzione di temperatura costante e sopratutto lasciare il finestrino aperto due dita per far circolare l’aria, ma allo stesso tempo per evitare che sporga la testa dal finestrino.

NON LASCIATE IL CANE SOLO IN MACCHINA
Se ci si allontana dall’auto, raccomanda l’Aidaa, non lasciate il cane solo in macchina specialmente sotto il sole. La temperatura interna dell’abitacolo sale, infatti, rapidamente pur tenendo i finestrini aperti, e trasforma la vettura in un vero e proprio forno. “Con il caldo oltre i trenta gradi – ricorda l’Aidaa – bastano solo 10 minuti per condannare il vostro animale a una morte orribile”. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo