img_big
News
Scoppia la polemica per le due pagine contro la linea ferroviaria

LA POLEMICA. No Tav sul giornale comunale: «Propaganda coi soldi di tutti»

L’amministrazione comunale inserisce due pagine contro il progetto della linea ferroviaria Torino-Lione all’interno del giornalino municipale “Rivalta Informa”, oltre all’editoria le No Tav del sindaco Mauro Marinari in prima pagina, ed esplode la polemica.

Nell’articolo, intitolato ” Ecco perchè l’amministrazione di Rivalta è contro il Tav” la maggioranza di Rivalta Sostenibile pone nove domande, con un breve riassunto della risposta, prima della spiegazione completa che viene dopo. Si legge che la Torino- Lione è un doppione inutile, una ferrovia del “mai” per via dei tempi di realizzazione, che non porta da nessuna parte, oltre ad essere un’idea vecchia e dispendiosa.

La cosa però non è andata giù a molti cittadini che su Facebook hanno criticato aspramente la linea editoriale di questo numero, con commenti assai decisi: «Fanno propaganda con i nostri soldi », «Si parte dal presupposto che loro hanno ragione “a presc in der e”, e chi non la pensa allo stesso modo è un disinformato “da rieducare”», «Sono disgustata. Non pubblicano nemmeno l’o r ario di apertura delle farmacie».

Nicola Lentini, consigliere comunale del Pd, rimarca: «Un giornale comunale non può diventare uno strumento politico. Visto che è pagato con i soldi dei cittadini tutti. Il sindaco se vuole migliorare la questione rientri nell’osservatorio». Nell’ultimo bilancio la spesa per la comunicazione generale dell’ente era di circa 150mila euro. Marilena Lavagno, assessore con delega alla Comunicazione, replica: «Si tende a dare spesso spazio al fronte del sì. Noi abbiamo posto il tema da un’angolazione diversa. E poi il nostro programma elettorale parla apertamente di contrasto all’opera. Abbiamo voluto semplicemente informare i cittadini e ricordo che, tempo fa, era stato organizzato un convegno al quale erano stati invitati i vertici Rfi, che non hanno mai risposto».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo