img_big
News
Sono già stati stanziati i fondi per una prima derattizzazione urgente

Carmagnola, topi e insetti nelle case popolari. Il Comune: «Colpa degli inquilini»

Carmagnola. Gli alloggi di edilizia popolare di proprietà comunale sono invasi da blatte e topi e così il Comune ha stanziato con urgenza 1.800 euro per attuare un primo intervento di derattizzazione. Ma non sarà il solo, visto che tra un mese lo si ripeterà per cercare di debellare il fenomeno quanto più possibile. Ma l’assessore con delega alle politiche della Casa, Graziana Grasso, auspica in questo senso anche la massima collaborazione di chi ci abita: «Alcuni tengono il loro alloggio molto bene, altri invece vivono in situazioni limite e non escludiamo, in futuro, di intervenire anche con la presenza dell’Asl».

La determina, urgente, per poter avviare immediatamente le bonifiche, è stata approvata a fine luglio dagli uffici comunali competenti. Ad essere controllati sono stati tutti gli alloggi popolari gestiti dal Comune: sia va da via Cavassa a quelli di zona San Giovanni e via Provvidenza. Ed è stato l’assessore in persona a visionare, uno per uno, gli appartamenti: «In questi giorni li ho visitati tutti ed esistono situazioni davvero al limite dell’abitabilità per come vengono tenuti da chi li abita. Alcune realtà numerose, con bambini, hanno le maggiori difficoltà. Ora, dopo essermi fatta una fotografia dello stato dei fatti incontrerò chi è nelle condizioni peggiori per avviare un’opera di sensibilizzazione e di avvertimento. Se le condizioni di questi alloggi non miglioreranno, un intervento dell’Asl sarà, credo, inevitabile».

L’allarme blatte e topi è tipico della stagione. Avvistamenti sono stati fatti qualche settimana fa anche sulle vie pubbliche: «Ci sono state – spiega Graziana Grasso – diverse segnalazioni da parte degli inquilini che lamentavano la presenza di animali tutt’altro che benvenuti. Da qui la decisione di intervenire con un’operazione di derattizzazione che si svolgerà a più riprese. Una prima serie è stata completata pochi giorni fa e nel giro di poche settimane, in concomitanza con la fine dell’estate e quindi con l’attenuarsi del caldo, verrà ripetuta».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo