img_big
News

FRODE AL FISCO Ivrea, fatture false per mezzo milione di euro: stanata la cooperativa che avrebbe dovuto dare lavoro a persone svantaggiate

Avrebbero dovuto favorire l’inserimento sociale di persone svantaggiate. Ma in realtà avevano messo in piedi una cooperativa per frodare il fisco e ottenere un ingente tornaconto. La Guardia di Finanza di Ivrea ha stanato il “giochetto” della società del Canavese che operava nel settore edilizio e soltanto all’apparenza svolgeva attività senza scopro di lucro con l’obiettivo di favorire l’inserimento sociale e lavorativo di persone svantaggiate. Attraverso un giro di fatture false, utilizzate per aumentare fittiziamente i costi negli anni 2011 e 2012, l’impresa ha occultato al fisco oltre 300mila euro di ricavi e indicato costi fasulli per circa un milione di euro, di cui 500mila derivanti dall’utilizzo di fatture false emesse da altre imprese del Canavese, e non ha versato l’Iva per circa 200mila euro. Il legale rappresentante è stato denunciato per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture false e utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti. Nei suoi confronti è stata avanzata anche una proposta di sequestro di beni. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo