img_big
News
Sono quattro solo fra corso Giulio Cesare e via Rossi: la viabilità è al collasso

LA POLEMICA. Barriera con l’incubo cantieri «I lavori partiti tutti insieme»

 La viabilità attorno al quartiere Barriera di Milano sta rischiando il collasso. Colpa dei ripetuti cantieri aperti negli ultimi giorni che stanno facendo letteralmente impazzire i residenti. Trovare un parcheggio o semplicemente effettuare una svolta in una via è diventato davvero ostico. Per dare un’idea, tra corso Giulio Cesare e via Lauro Rossi se ne contano almeno quattro, tra i lavori della fibra ottica e quelli della manutenzione stradale. Il primo, forse il più innocuo, si trova all’angolo tra corso Giulio Cesare e corso Novara. Un secondo si trova a mezzo isolato di distanza, davanti ad una pompa di benzina, mentre un terzo impedisce il parcheggio alle auto all’imbocco con via Leinì. Completamente chiusa al traffico, invece, è via Malone, nel tratto compreso tra corso Vercelli e via Chiusella.

Una polemica portata avanti anche dai commercianti della zona che convivono con dei lavori infiniti che rischiano di andare avanti ancora per qualche mese. «Non ne possiamo più di questa storia – si lamentano dalla lavanderia di corso Giulio angolo via Malone -. L’ultimo cantiere è stato aperto pochi giorni fa. Hannospaccato la strada tre volte in questo isolato. E noi ci chiediamo se era proprio il caso di aprirne così tanti contemporaneamente ». Disagi sono stati segnalati anche tra via Spontini e via Monte Rosa. A chiedere un controllo delle tempistiche c’è il consigliere di Fi della circoscrizione Sei, Domenico Garcea. «Non si possono aprire così tanti cantieri in un colpo solo – accusa Garcea -. La collettività ne sta risentendo, senza contare che molte strade sono state chiuse due volte: per lavori di riqualificazione e per i lavori della rete in fibra».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo