img_big
News

Cuorgnè, il camioncino perde i rifiuti lungo la strada. E il sindaco lo insegue sull’ex statale 460

È successo ieri mattina a Cuorgnè, dove il primo cittadino, Giuseppe Pezzetto, alla guida della sua autovettura ha tallonato e avvicinato un mezzo raccoglitore della Teknoservice. Raggiunto il furgoncino, il borgomastro ha segnalato all’operatore al volante che da qualche minuto della plastica appena raccolta stava volando fuori dal cassone, finendo sull’asfalto della ex statale 460.

«Questa mattina intorno alle sette e mezza ho inseguito e bloccato un furgoncino Teknoservice che perdeva sulla 460 pezzi di immondizia – ha spiegato amareggiato il sindaco cuorgnatese sul suo profilo Facebook -. Possibile che non si sia in grado di chiudere il furgoncino, credo pigiando un tasto? Possibile che manchi questa sensibilità verso l’ambiente? Scusate lo sfogo, ma è una battaglia quotidiana: basterebbe un po’ più di attenzione e di professionalità» .
Non è la prima volta che Giuseppe Pezzetto si batte in prima persona per una città più pulita e per avere un maggior rispetto dei luoghi pubblici da parte di tutti. Oltre a chiedere alla società che si occupa nell’alto Canavese della raccolta della spazzatura di essere più attenta e puntuale nello svolgere il proprio compito, il primo cittadino di Cuorgnè ha anche lanciato l’originale
 campagna #taggailmaiale, invitando i propri concittadini a fotografare e poi segnalare in municipio quelle persone, che con scarso senso civico abbandonano rifiuti dove capita. «Non si tratta di violare la libertà dei singoli – aggiunge Pezzetto – Si tratta di identificare quei pochi che rovinano la qualità della vita e la bellezza di questi nostri luoghi che sono un patrimonio inestimabile per tutti noi e per le generazioni future».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo