img_big
News
Domani anniversario record per Bruno Brunello e Giuliana Covezzi

La storia d’amore lunga 70 anni nata tra le macerie della guerra

Settant’anni di matrimonio, festeggiati domani, 29 giugno 2016. Un record invidiabile, che pochi possono vantare. Bruno Brunello e Giuliana Covezzi sono un pezzo di Barriera di Milano. Bruno, nato a Torino nella zona dei lavandai (quartiere Bertolla), si è trasferito in corso Giulio Cesare a soli nove anni, entrando a lavorare in Fiat a 14 anni. Giuliana, invece, arriva a Torino un anno dopo la sua nascita. Prima di diventare commessa di un negozio, perché l’importanza all’epoca – era portare a casa il pane. I due si conoscono presto. A 13 anni Giuliana lavora presso il negozio “Fior della Moda”. Proprio nel palazzo dove abitava Bruno, figlio dei portinai. Ed è qui che scatta la fiamma. «Anche se le colleghe di Giuliana – racconta il figlio Giancarlo -, l’avevano messa in guardia che Bruno era un bel galletto».

I primi corteggiamenti avvengono in corso Vigevano, a due passi da casa. A fianco della Grandi Motori dove vi era l’entrata al rifugio antiaereo. È l’inizio di una storia d’amore quasi eterna, attorno ad un mondo costellato dalle guerre mondiali e, dunque, in continua trasformazione. Con le sofferenze, le morti dei compagni contrari al regime, i bombardamenti, il fuggi fuggi nei rifugi. Sono anni difficili che si complicano con la prigionia del partigiano Bruno e il timore di un trasferimento in un campo di concentramento. Ma è la fine del secondo conflitto mondiale che porta in dote il matrimonio tra i due fidanzatini. Il 29 giugno 1946 Bruno e Giuliana convolano a nozze. Con una piccola curiosità: gli invitati che volevano partecipare al pranzo si sono pagati la loro quota. Dopo le feste Giuliana comincia così la sua attività di portinaia del palazzo e di lì a poco nasce l’unico figlio Giancarlo.

Bruno e Giuliana continuano a vivere in Barriera dove ancora oggi risiedono. Bruno diventa un re della canzone e si esibisce nelle piole, mentre Giuliana si preoccupa della casa e della famiglia. Fino alla festa dei 70 anni, traguardo incredibile. «Gli 80? Non si sa mai».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners