img_big
News

Torino, decine di anziani ingannati e derubati. In manette 9 zingari

 Si fingevano agenti assicurativi o finan­zieri per carpire la fiducia degli anziani e poi derubarli. Ieri mattina gli agenti della squadra mobile della Questura di Torino hanno eseguito un’ordinanza emessa dalla Procura di Milano e hanno arrestato nove zingari sinti accusati di 53 truffe ai danni degli anziani. Gli zingari utilizzavano co­me base operativa i campi nomadi di corso Unione Sovietica e di corso Ferrara da dove partivano per truffare gli anziani soprattutto a Milano e in altri comuni della Lombardia, ma anche in altre zone del Nord Italia.
Durante la perquisizione i poliziotti hanno recuperato quattro pistole semiautomati­che, di cui tre sicuramente rubate, che erano state nascoste in una cabina dell’Enel collocata fuori dal campo. I pa­renti dei sinti, tutti appartenenti alla fami­glia Vailatti, hanno protestato sotto l’in­gresso della Questura di via Grattoni con­tro l’arresto degli zingari che nel pomerig­gio sono stati trasferiti nel carcere di Ver­celli. «Mia figlia – ha spiegato una zingara ai cronisti – è malata di tumore ma è stata ugualmente arrestata dalla polizia. Conti­nuano a prendersela con noi, ma in Italia rubano tutti, compresi i politici che do­vrebbero dare il buon esempio».

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 14 luglio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners