img_big
News

A Chiomonte arrivano gli alpini. Già iniziate le prime ricognizioni

 Ormai è questione di ore. È tutto pronto per l’arrivo dell’esercito a Chiomonte, dove gli alpini della Taurinense hanno già terminato i sopralluoghi necessari al loro dislocamento. Sia a terra che dall’elicottero, i militari hanno studiato il terreno sul quale saranno chiamati ad operare nei prossimi mesi, a difesa del cantiere del cunicolo esplorati­vo.
Secondo i piani del ministero, le penne nere in un primo momento affiancheranno polizia e carabinie­ri che già da giugno si trovano sull’area. In un secondo tempo, con una scadenza ancora da defini­re, invece potrebbero anche sostituirli del tutto, “liberando” gli agenti che potrebbero tornare al normale lavoro nelle varie regioni d’origine, anche se questo non significherebbe l’automatica trasfo­r-mazione dell’area di cantiere in una zona di interes­se strategico nazionale. Due le motivazioni princi­pali alla base della scelta della Taurinense: l’adde­stramento ad operare in zone di montagna e la vicinanza tra Pinerolo, sede della Brigata, e la Valle di Susa. È infatti impensabile tenere in Piemonte per cinque anni (la durata dei lavori) migliaia di agenti delle forze dell’ordine provenienti da mezza Italia.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 14 luglio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo