img_big
Cronaca

Indipendenza addio: tre giovani su quattro vivono con i genitori

 Meno di un giovane su due è indipendente sul versante finanziario, oltre tre su quattro vivono ancora con i genitori. È il ritratto di un’Italia sempre meno paese per giovani, che trovano la strada verso l’età adulta sbarrata da difficoltà crescenti nel costruirsi un’esistenza indipendente dalla fa­miglia, lavorano poco e quasi mai con contratti a tempo indeterminato, fan­no pochi figli, anzi quasi zero. Il pe­riodo della vita compreso tra i 18 e i 29 anni, insomma, è sempre meno come una fase di passaggio e, di con­tro, ha connotati sempre più definiti di un limbo da cui è difficile affran­carsi.
Come se non bastasse il fenomeno dei “Neet”, l’acronimo anglosassone che dei giovani che non lavorano né stu­diano fa un’unica categoria, e mentre la disoccupazione giovanile cresce oltre il 30%, l’indagine presentata ieri da Intesa Sanpaolo che l’ha commissionata alla Fondazione Einaudi sul risparmio e le scelte finanziarie degli italiani, mette in luce le opportu­nità mancate di una generazione. Che resta com­battuta tra il quotidiano barcamenarsi lavorativo, alcuni segnali di conservazione e, di fondo, uno scarso interesse su un tema, quello dell’economia e della finanza, che invece qualche attrattiva do­vrebbe averla.

L’articolo di Alessandro Barbiero su CronacaQui in edicola il 13 luglio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo