img_big
Spettacolo

Heather Parisi a Chi: “Non sono fuggita dall’Italia vivo ad Hong Kong per amore”

Il numero di “Chi” in edicola domani, mercoledì 13 luglio, ospita un ampio servizio fotografico di Heather Parisi a Hong Kong, la città in cui vive da sei mesi con la sua famiglia, e un lungo articolo scritto dalla stessa showgirl, nel quale, fra l’altro, replica alle voci circolate in Italia nei giorni scorsi sulle vere ragioni di questo trasferimento all’estero. “A Hong Kong sono arrivata con la mia famiglia il 1° gennaio 2011, senza eccessi e senza clamore, ma anche senza fughe o misteri, accompagnata dalla consapevolezza di iniziare, a 50 anni, l’ennesimo importante capitolo di una vita meravigliosa”, scrive Heather Parisi. “n questi giorni in Italia sono apparse notizie false su questa decisione, che avrei preso in seguito a una situazione finanziaria critica del mio compagno. Sono profondamente amareggiata da questo modo di speculare senza rispetto sulla vita privata delle persone. Non è questa l’Italia che ho imparato ad amare e alla quale devo tutta la mia carriera, la mia fortuna e la mia fama. Avrei seguito Umberto ovunque avesse deciso di andare. Negli ultimi cinque anni vissuti assieme abbiamo trascorso almeno una settimana al mese a Hong Kong, per curare e sviluppare l’attività di import-export che da anni vede il mio compagno protagonista in questa parte del mondo. Era solo questione di tempo, ma Hong Kong era nel mio destino e nei miei desideri. Non ne ho mai fatto mistero. Era un sogno che è diventato realtà”. Conclude la showgirl: “Dopo un po’ di tempo che sto in un posto, di norma, sento la voglia di liberarmi delle cose e delle persone che mi stanno attorno, per il desiderio di avere nuovamente un vuoto da colmare e da reinventare. Provavo la stessa sensazione ogni volta che entravo in un teatro completamente spoglio e deserto, prima di ogni spettacolo. Hong Kong, oggi, rappresenta per me proprio questo: il teatro vuoto di una sfida nuova e da inventare, in una città dove ogni cosa è possibile, senza pregiudizi e senza preclusioni”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo