img
Spettacolo

Laura Dauxyte: “Sono io la mamma più dolce d’Italia”

La mamma più dolce d’Italia è alta 1 metro e 68, ha i capelli biondi, gli occhi verdi ed è nata in Lituania, «ma sono gli altri a ricordarmi che sono stranie­ra – dice -, io mi sento italia­na a tutti gli effetti, anzi, torinese». È Laura Dauxyte, mamma di Angelica e Cate­rina, “Miss Mamma Italiana Dolcezza”. La commessa trentenne di borgo Parella, «lavoro in una gastronomia della zona», spiega, si è in­fatti aggiudicata domenica scorsa a Cesenatico una del­le dodici fasce messe in pa­lio per “Miss Mamma Italia­na”, il concorso nazionale di bellezza-simpatia ideato da Paolo Teti e riservato alle mamme dai 25 ai 45 anni di età. Nella finale della 18esi­ma edizione, che ha incoro­nato vincitrice la fisiotera­pista di Cagliari Norma Usai, Laura ha conquistato la giuria sbaragliando le al­tre 24 finaliste in tema di dolcezza.
Come ci si sente ad essere considerate la più dolce di tutte?
«Sono felicissima, non avrei mai creduto di poter arriva­re fin qui. Al concorso avevo partecipato un po’ per caso e un po’ per gioco, perché mio marito, guardando lo scorso anno alla televisione la ma­nifestazione, mi aveva det­to: “Potresti andarci anche tu “. Così ho fatto, senza grandi aspettative, ed ora eccomi qui»
Che cosa significa per lei questa fascia?
«È stata una grande soddi­sfazione. Quando ero più giovane tutti mi dicevano: “Non ti devi sposare, non devi avere figli perché se no poi non fai più niente, non ti puoi realizzare, ti rinchiudi in casa e basta”. Ma io inve­ce ho sempre seguito il mio istinto. Ho conosciuto mio marito dodici anni fa, du­rante una vacanza in Italia, ci siamo innamorati, ci sia­mo sposati e abbiamo due bambine, di 3 e 2 anni. Con questa fascia ho dimostrato che anche da sposata, anche con figli, si possono fare molte cose. E con succes­so » Secondo lei che cosa ha convinto la giuria ad asse­gnarle il premio?
«Questo non è un concorso solo di bellezza. Le parteci­panti devono sostenere va­rie prove, vengono fatti test di cultura generale, prove creative e altro ancora. Io mi sono cimentata col canto. La mia passione, infatti, è la musica. Suono il pianoforte e nel tempo libero compon­go canzoni, anche se adesso, con le figlie piccole, di tem­po libero ne ho davvero po­co. Al concorso ho cantato una ninna nanna da me composta mentre ero in dol­ce attesa» E ora che è diventata miss come vede il suo futuro? ancora in gastronomia?
«Per me al primo posto c’è sempre la mia famiglia e le mie bambine. Al momento continuerò a fare il mio la­voro, poi vedremo che cosa succederà. Se ci saranno delle proposte le valuterò»

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo