Cronaca

Sulla strada a 12 anni: in Calabria 16 arresti per sfruttamento della prostituzione minorile

Sedici persone sono state arrestate dai carabinieri in provincia di Cosenza per  induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione minorile.  Gli arresti sono stati eseguiti, in particolare, a Corigliano Calabro, Cassano Ionio, Rende e Rossano. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emessi dal gip del Tribunale di Catanzaro, su richiesta del pm Emanuela Costa. Le indagini che hanno portato agli arresti erano state avviate nell’agosto del 2010. Ne è emerso, secondo quanto riferito dai carabinieri, “uno scenario agghiacciante” che coinvolge ragazze minorenni italiane avviate alla prostituzione dall’età di dodici anni e una vasta clientela di insospettabili.

L’operazione che ha portato ai 16 arresti rappresenta il seguito di quella che, nello scorso mese di marzo, denominata come quella odierna, Flesh Market (Mercato della carne) si era concretizzata con l’arresto di altre otto persone. La situazione di particolare indigenza delle vittime e delle loro famiglie avrebbe facilitato ad alcuni degli arrestati l’adescamento e l’avvio alla prostituzione delle minori. Due delle ragazze, tra gli arrestati, da vittime sarebbero poi diventate carnefici, avviando alla prostituzione le sorelle più piccole. Gli ultimi risvolti investigativi hanno poi consentito ai carabinieri di risalire agli abituali clienti, tra i quali ci sono persone facoltose della provincia di Cosenza.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo