img_big
Spettacolo

Grande Fratello, Valentina parla delle sue ambizioni e del Rubygate

Dopo essere stata eliminata alla diciassettesima puntata del Grande Fratello 11, Valentina Co­stanzo non rilasciò nessuna intervista. Non c’è da stupirsi: era nell’occhio del ciclone. Coinvolta nelle intercettazioni legate all’inchiesta Rubygate, fu indicata come una raccomandata di Silvio Berlusconi e si mormorò che avesse partecipato ad alcuni festini a palazzo Grazioli. Sono passati oltre tre mesi e la barista romana di origini italo tunisine ha deciso di raccontare la sua verità.
Partiamo da un bilancio. Come valuta i suoi 28 giorni nella casa del Grande Fratello 11?
«Per me è stato un incubo. Non solo mi mancava il mio ragazzo, ma i media mi hanno definita ingiusta­mente una raccomandata di Silvio Berlusconi. E quando finalmente cominciavo ad ambientarmi, mi hanno eliminata».
Ma parteciperebbe di nuovo, a posteriori?
«Sì, senza dubbio, ma solo perché oggi sono single e vivrei l’esperien ­za in modo più sereno».
La partecipazione al Grande Fra­tello le ha dato dei benefici?
«No, nessuno, a parte che la gente mi saluta per strada e che ho fatto qualche ospitata poco dopo l’elimi ­nazione. Ma la conoscenza del Premier e il coinvol­gimento nel caso Rubygate mi hanno penalizzata: le produzioni credo avessero quasi paura di me».
Ma è vero che ha partecipato ai festini a Palazzo Grazioli?
«Assolutamente no. Come non è vero che sono stata ad Arcore».
Dove ha conosciuto il Premier?
«L’ho conosciuto tanti anni fa in occasione di una cena a Roma, tramite delle amiche che lavoravano nel mondo dello spettacolo».
Che tipo è?
«Un uomo elegante, umile, gentile e simpatico».
Che cosa ha provato nel sentirsi definire una raccomandata?
«All’inizio ci ho sofferto molto. Col tempo, però, ho imparato a fregarmene».
Come ha reagito la sua famiglia di fronte all’attac­co dei media?
«Mi sono stati di sostegno, perché sapevano come stavano le cose e d’altro canto mi vedevano agitata».
Professionalmente parlando, oggi che cosa sogna?
«Dopo il Gf sono tornata a lavorare nel bar di cui sono proprietaria, ma coltivo l’ambizione di mettermi in gioco nel mondo dello spettacolo. Il mio sogno sarebbe diventare una showgirl poliedrica, alla Michelle Hunzi­ker o Belen Rodriguez, per intenderci. Detto questo, sono una donna realizzata, con una propria attività. E se non riuscissi a lavorare in tv non ne farei una malattia».
Le mancano le telecamere?
«No, sapevo che il momento di popolarità sarebbe durato poco. Ma sarei felice se do­vessero nascere nuove occasioni in tv».
Se dovesse reincarnarsi, nei panni di quale donna vorrebbe trovarsi?
«Nei miei. Ho un bel rapporto con me stessa e non invidio nessuno».
Si trova a suo agio anche con il suo corpo?
«Sì, decisamente. Amo soprattutto i miei occhi».
Che cosa pensa della chirurgia plastica?
«Sono favorevole, con moderazio­ne. Io me ne sono avvalsa per il seno e sono contentis­sima di averlo fatto, perché è una parte importante del corpo della donna, che prima mi metteva a disagio».
E veniamo all’amore. Dopo cinque anni di convi­venza, due mesi fa si è lasciata col suo fidanzato. Una conseguenza della sua partecipazione al Gf e del suo coinvolgimento nel Rubygate?
«No, non credo. Mi ha detto semplicemente che non era più innamorato di me».
E lei invece lo è ancora?
«Non lo so, sono confusa».
Avrebbe voglia di vivere un nuovo amore?
«Certo, l’amore è la cosa più bella che c’è».
L’uomo più sexy d’Italia?
«Marco Borriello».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo