img_big
Sport

Mercato e bilancio: 120 milioni di euro per rifare la Juve

 Da oggi inizierà una nuova era per la Juven­tus: quella del rilancio. Dopo gli anni difficili del post-Calciopoli, qualche soluzione societa­ria un po’ discutibile e gli investimenti desti­nati al nuovo stadio, si può dire a tutti gli effetti che da oggi la Vecchia Signora sarà più ricca grazie alla ricapitalizzazione che verrà decisa e varata dal cda in programma nella sede di corso Galileo Ferraris.
LA SITUAZIONE
In sostanza oggi verrà ufficializzato e messo agli atti quello che tutti sanno già e che era già stato annunciato ad aprile: 120 milioni in più che arriveranno direttamente dall’azionista di maggioranza Exor. Un’ottantina serviranno a rafforzare il club e quindi a investire sul merca­to dopo le troppe scelte errate compiute nelle ultime stagioni, mentre i restanti 40 milioni circa serviranno a risanare quel buco di passi­vo che dai 43,4 milioni di aprile dovrebbe superare il tetto dei 65 milioni alla chiusura dell’esercizio di bilancio 2010/2011. La Juven­tus fortunatamente ha già 60 milioni di riserve accantonate e, dunque, la cifra che verserà Exor coprirà interamente il passivo. Fu lo stes­so Elkann ad aprile a spiegare che la finanziaria della famiglia Agnelli avrebbe operato un nuo­vo sforzo economico per amore e impegno verso un club che andava rilanciato in Italia e nel Mondo. 
 

L’articolo di Marco Avena su CronacaQui in edicola il 23 giugno

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo