img_big
News

Piemonte, nuova batosta alle cosche calabresi: altri 19 in manette (video)

La concentrazione mafiosa, l’infiltrazione del­la ‘ndrangheta non risparmia nessuno. E dopo l’operazione “Minotauro” che ha scoperchiato una realtà criminale inquietante a Torino, ora è la volta delle altre provincie piemontesi: Asti, Ales­sandria, Cuneo. Con un nuovo blitz che si è concentrato nelle prime ore della mattina di ieri, i carabinieri del Ros hanno arrestato 19 persone, tutte affi­liate alle cosche calabresi, che si era­no radicate nei centri più importanti del basso Piemonte e da lì influenza­vano anche le attività criminali, eco­nomiche, politiche e turistiche della Liguria.

Nell’operazione è stato arrestato un consigliere comunale Pdl di Alessan­dria, presidente della commissione Ambiente e Territorio, Giuseppe Ca­ridi, accusato di associazione mafio­sa (e non di concorso esterno) perché «affiliato come picciotto all’interno del “locale”- ha spiegato il procurato­re Giancarlo Caselli – segno di come la criminalità organizzata possa arrivare addirittura ad assoldare direttamente anche chi rappresenta le istituzioni».

 
L’articolo di Marco Bardesono e altri particolari su CronacaQui in edicola il 22 giugno

Qui sotto il video di una riunione tra i boss

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo