img_big
News

Tav e Fabbrica Italia volàno del Piemonte: «10mila assunzioni»

Con l’avvio dei cantieri per la Tav e l’investimento della Fiat a Mirafiori e alla ex Bertone, il pil del Piemonte potrebbe crescere del 4,5% all’anno, un ritmo simile a quello dei paesi dove la ripresa è già avviata. Diversamente, la regione dovrà accontentarsi dei livelli previsti, che si scosteranno di poco dal timido +1% destinato a mantenersi costante anche negli anni a venire. L’opportunità per la crescita economica della regione, che è insieme incertezza e porta con sé circa 10mila posti di lavoro solo per la ferrovia, è stata illustrata ieri da Gianfranco Carbonato, presidente dell’Unione Industriale Torinese, durante l’assemblea annuale, davanti a Emma Marcegaglia, presidente di  Confindustria, e Renato Brunetta, ministro  della Pubblica amministrazione.

L’articolo completo di Alessandro Barbiero e tutti gli approfondimenti su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo