Cronaca

Aiuti alla Grecia, tutto rinviato a luglio: “Atene deve prima introdurre misure di austerità”

Dopo sette ore di colloqui e trattative a Lussemburgo, i ministri delle Finanze dell’Eurozona hanno deciso di rinviare la decisione di sbloccare la quinta tranche del prestito d’emergenza alla Grecia. I ministri, quindi, hanno scelto di mantenere la pressione su  Atene, che dovrà aspettare fino a metà luglio e introdurre misure di austerità, ritenute una condizione necessaria al fine di ricevere i 12 miliardi di euro.

«Abbiamo bisogno di una chiara decisione del Parlamento greco (di fiducia al nuovo esecutivo del premier George Papandreu e di appoggio al programma di aiuti)», ha spiegato il ministro delle finanze belga, Didier Reynders, al termine del lungo negoziato a Lussemburgo. Il comunicato finale impegna anche i ministri dell’Eurogruppo a mettere insieme un secondo piano di salvataggio per la Grecia (oltre al programma iniziale di 110 miliardi deciso nel maggio scorso), che includerà anche il coinvolgimento di investitori privati che detengono il debito greco.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo