img_big
Cronaca

Berlusconi: “Non ho paura di nessuno”. Bossi si sbaglia e fa il pollice verso ai cronisti

”Non ho paura di nessuno, la maggioranza tiene assolutamente”. Risponde così Silvio Berlusconi, lasciando Palazzo Grazioli, alla domanda del giornalista di Ballarò Alessandro Poggi che gli chiede se lo preoccupino di più i giudici o la tenuta della maggioranza.

Berlusconi alla Camera mercoledì per verifica parlamentare
Mercoledì prossimo il premier prenderà la parola nell’aula della Camera i per la verifica parlamentare richiesta dal capo dello Stato dopo la nomina dei nuovo sottosegretari: lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio che ha fissato il ‘timing’ della giornata parlamentare che però ha gli esiti ancora aperti: non si sa, ancora se quelle del governo saranno comunicazioni o una semplice informativa. Nel primo caso ci sarebbe un voto di fiducia, ma la maggioranza con Fabrizio Cicchitto spiega che la fiducia verrà posta solo se l’opposizione presenterà un proprio documento. Eventuali dichiarazioni di voto su documenti su cui verrebbe posta la fiducia si terrebbero tra le 17:30 e le 19, con a seguire il voto. “I gruppi di maggioranza e di opposizione – spiega il capogruppo del Pd Dario Franceschini – potranno presentare documenti fino all’ultimo. La maggioranza non mi pare abbia intenzione di presentare nulla. Noi ci riserviamo di valutare che tipo di conclusione dare al dibattito di martedì”. E Cicchitto chiarisce: “Non capiamo che cosa voglia fare l’opposizione. Se presenteranno un documento il governo chiederà la fiducia, diversamente ci sarà soltanto un confronto sull’informativa”.

Bossi: pollice verso ai cronisti
“Il governo va avanti?”. Umberto Bossi mostra il ‘pollice verso’. Il Senatur sta lasciando il palazzo dei gruppi a Montecitorio per andare a Palazzo Chigi per il Consiglio dei ministri ma viene raggiunto dai cronisti che gli chiedono rassicurazioni sulla tenuta del Governo. Il leader della Lega non risponde, poi ai giornalisti mentre sta salendo in automobile mostra il ‘pollice verso’. I cronisti si interrogano sull’ambiguità del gesto di Bossi: sembra una bocciatura nei confronti dell’Esecutivo. Si decide allora di chiedere chiarimenti all’ufficio stampa della Lega che precisa: “Il ministro si stava rivolgendo ai giornalisti”.
Umberto Bossi tiene alta la suspense sul provvedimento per risolvere l’emergenza rifiuti in Campania allo studio in Consiglio dei ministri. “Si troverà una soluzione in Consiglio dei ministri?”, gli chiedono i cronisti all’uscita del palazzo gruppi a Montecitorio? “Non lo so”, replica il senatur. Martedì il Consiglio si era spaccato sul provvedimento con la netta opposizione della Lega Nord.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo