img_big
Cronaca

I segreti per una linea perfetta? Portare in tavola un piatto unico

Il piatto unico a tavola per mantenere la linea. E’ quanto hanno stabilito gli studiosi della Pennsylvania State University che hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista Appetite. Lo studio si basa sull’osservazione su 48 soggetti campione. Quando venivano proposti menù con quattro portate differenti, l’apporto calorico aumentava fino al 60% rispetto a quando venivano serviti quattro piatti della stessa portata. La varietà a tavola fa brutti scherzi: lo stesso gruppo di persone consumava il 15% per cento di cibo in più quando, a uguaglianza di condimento, venivano portati in tavola tre piatti di pasta di diversi formati. Questi episodi sono dovuti alla “sazietà sensoriale specifica”, ovvero la noia nel mangiare sempre la stessa cosa, che porta a consumarne di meno.

Il piatto unico va bene solo per chi deve perdere qualche chilo in eccesso. Ma in soggetti che soffrono di inappetenza, come gli anziani, sarebbe buona norma proporre una maggiore varietà di alimenti per stimolare l’appetito. La conferma viene anche da una ricerca pubblicata sul Journal of Human Nutrition and Dietetics, in cui venivano serviti, di seguito, quattro tipi diversi di sandwich: il consumo aumentava del 25% rispetto a quattro tramezzini uguali.

Ovviamente, la regola del monopiatto non vale per tutti i piatti. In alcuni casi, meglio un piatto di verdure ed un secondo rispetto a una torta rustica o insalate di pasta. Per non cadere in errore, basterà preferire legumi, cereali, verdure e pesce a carne, uova, pasta.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo