img
News

Aveva dato fuoco all’amica: viene assolto e scarcerato

Secondo l’accusa, avrebbe tentato di dare fuoco a una giovane donna della quale si era invaghito ma dalla quale era stato respinto. Per la difesa, invece, si sarebbe trattato di un banale quanto sfortunato incidente. Ieri mattina, il Tribunale di Ivrea ha dato ragione a que­st’ultima e ha assolto l’im­putato Marco Langellotti dalle accuse di tentato omi­cidio, stalking, violenza privata e minacce. L’uomo è stato condannato a 5 anni di reclusione per il solo rea­to di incendio. Langellotti era assistito dall’avvocato Wilmer Perga. Nella serata di ieri Marco Langellotti è stato quindi scarcerato.
È il mese di aprile di un anno fa quando il pluripre­giudicato 57enne di Ciriè tenta di dare fuoco a una giovane donna conosciuta qualche tempo prima e per la quale aveva perso la te­sta. Il primo incontro tra i due era avvenuto qualche tempo prima e sarebbe nato da esigenze di lavoro: la donna cercava infatti un’occupazione e l’uo m o aveva bisogno di una colf. Langellotti, secondo l’a c­cusa, avrebbe tuttavia co­minciato a perseguitare la ragazza attraverso telefona­te, sms, pedinamenti. Sen­za mai arrendersi, neppure di fronte ai dinieghi di lei. Pazzo d’amore, la sera del 24 aprile di un anno fa sa­rebbe entrato nell’abitazio­ne della ragazza e con una tanica di benzina in mano avrebbe tentato di darle fuoco, provocandole gravi ustioni alle gambe.

 

L’articolo di Giovanni Falconieri su CronacaQui in edicola il 25 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo