News

Vive grazie al cuore della piccola Elena: migliorano le condizioni di Tommaso

 Procede nella normalità il decorso post operatorio del piccolo Tommaso, il bimbo di Savona di nove mesi salvato da un trapiantato di fegato lo scorso fine settima­na all’ospedale Molinette. Cinque chili e mezzo di peso e una diagnosi di atresia delle vie biliari. A salvarlo è stato il picco­lo fegato di Elena, la bimba di 22 mesi, di Ancona, dimenticata dal padre il 18 mag­gio scorso per cinque ore in auto Per lei le cure in ospedale non sono bastate a tratte­nerla in vita ed è morta sabato scorso.
Tommaso invece è stato miracolato pro­prio grazie alla donazione voluta dai geni­tori di Elena del suo fegato, oltre a cuore e reni che sono stati donati ad altri bambini. «La notte scorsa Tommaso l’ha trascorsa in modo tranquillo e abbiamo registrato an­che un leggero miglioramento del suo qua­dro clinico» hanno fatto sapere ieri pome­riggio dall’ospedale Molinette. Ma i medi­ci restano cauti rispetto alla situazione del piccolo Tommaso. «Siamo ottimisti ma cauti. Infatti per i primi tre-quattro giorni il bambino rimarrà sotto stretta osservazione nel reparto di terapia intensiva».
I medici del centro trapianti delle Molinet­te sono sempre stati ottimisti sulle condi­zioni del bambino dopo il trapianto ese­guito nel fine settimana «Tommaso ce la farà, ne sono certo. Elena ha ridato la vita ad un altro bimbo» aveva detto al termine dell’intervento il professor Mauro Salizzo­ni, soddisfatto della riuscita del trapianto. Tommaso aveva subìto un primo trapianto di fegato giovedì scorso ma con esito nega­tivo.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo