img_big
News

Torino: Domenico Coppola stroncato da un ictus fulminante, il ricordo di Rabellino

È morto la notte scorsa, stroncato probabilmente da un ictus fulminante, Domenico Coppola, eletto al consiglio comunale di Torino alle ultime elezioni. Il decesso è avvenuto nella sua abitazione, nel capoluogo piemontese. Coppola era il candidato a sindaco di una coalizione di liste che comprendeva, tra le altre, Lega Padana, Forza Toro e Grillo Parlante, e la sua presenza aveva destato polemiche perchè il suo cognome era identico a quello di Michele Coppola, il candidato di Lega e Pdl.

«Ma il nostro Domenico – spiega Renzo Rabellino, il politico torinese di riferimento – non era un personaggio finto: lavorava con noi da sette anni, aveva fatto il consigliere di circoscrizione e l’assessore al bilancio al comune di Sambuco. Una bravissima persona, di un’umanità incredibile, tecnicamente preparatissimo su temi delicati come la lotta al signoraggio bancario».

Ieri sera Coppola aveva festeggiato con Rabellino e altri amici la sua elezione con una bicchierata; poco prima aveva assistito al saggio scolastico di una delle sue due figlie, che frequenta la quinta elementare. Alle 23:30 era rincasato senza accusare alcun disturbo. Nella notte, verso le 3, ha cominciato a lamentare un forte mal di testa e la moglie ha chiesto l’intervento dei sanitari: l’ambulanza è arrivata in pochi minuti (l’abitazione di Coppola si trova vicino all’ospedale Maria Vittoria) ma i soccorsi sono stati inutili. La causa della morte è probabilmente da attribuire a un ictus fulminante.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo