img_big
News

Prostata, oggi c’è il laser a sorgente: al Giovanni Bosco di Torino eseguiti oltre 300 interventi

Il 25% degli uomini over 50 viene operato per ingrossamen­to prostatico che oggi può essere affrontato con un nuovo metodo: il laser a sorgente Thulio. L’ospedale Giovanni Bo­sco ha già eseguito oltre 300 interventi di vaporizzazione­vaporesezione ed enucleazione laser per iperplasia prosta­tica benigna. Ha acquistato questa tecnica nel 2007 e oggi conta grandi risultati. Ieri è stata oggetto di un approfondi­mento scientifico dalla trasmissione Rai “Elisir” che ha ri­preso l’intervento eseguito su un paziente in trenta minuti dal professor Giovanni Muto, direttore dell’Urologia del San Giovanni Bosco. Sarà mandato in onda il 5 giugno.
« È intervento innovativo poco invasivo e un’alterna tiva all’intervento chirurgico tradizionale, notoriamente grava­to da episodi emorragici» spiega Succo.
Della durata di un’ora circa ed eseguito in anestesia perife­rica, l’intervento richiede una degenza di una a due notti. Soddisfazioni sono arrivate dall’assessore alla Salute Cate­rina Ferrero. «Tecnologie innovative di tale portata sono fondamentali per una degenza post operatoria più breve e migliorano la qualità dell’approccio terapeutico per il pa­ziente ».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo