img_big
News

Coppola e Fassino, niente colpi bassi per l’ultimo duello

 Prima del confronto finale, un’unica condizione. «Niente colpi bassi», si rac­comanda il direttore di Sky Tg 24, Emilio Carelli, reduce da un faccia a faccia tra Giuliano Pisapia e Letizia Moratti che non ha risparmiato strascichi giudiziari. Il fair play a Torino non mancherà e non c’è da stupirsi più di tanto, guardando l’andamento della campagna elettorale all’ombra della Mole.
«Per carità, io mi alzo e lo abbraccio pure», ha assicurato Coppola, costringen­do lo sfidante al sorriso. Il punto più teso del confronto si toccherà con i due con­tendenti impegnati a spartire meriti e demeriti tra amministrazione comunale, enti locali e governo. Fassino avrebbe voglia di controbattere e, a denti stretti, si lascia andare a qualche commento un po’ pepato. «Così si raccontano balle ai citta­dini », «fai demagogia» e, al massimo, «non avere la lingua biforcuta».
Coppola e Fassino si trovano agli antipo­di su due temi caldi della campagna elettorale. Il primo è il debito accumulato dalla Città di Torino. «Un indebitamento da investimenti per cui la città non ha ridotto i servizi», per «opere che rimar­ranno » , secondo Fassino, mentre per Coppola resta la necessità di «aggredire la macchina comunale», snellirla fin dai primi giorni di un eventuale mandato ed « evitare sprechi » . Come la biblioteca commissionata all’architetto Bellini, «16 milioni di euro per una parcella di un progetto mai realizzato».

 

L’articolo di Enrico Romanetto su CronacaQui in edicola il 12 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo