img_big
News

La promessa di Cota: «Liste d’attesa tagliate entro la fine dell’anno»

 Il traguardo è posto alla fine dell’anno. Allora, spiega Roberto Cota, «riusciremo ad ottenere i primi risultati. D’altronde siamo di fronte ad un problema atavico, che non si può risolvere in un mese». Il dado è tratto, la Regione ha annunciato ufficialmen­te il piano di riduzione delle liste d’attesa per gli esami e le visite specialistiche in sanità. Un pro­gramma in cinque punti cardine che, spiega l’asses­sore alla Sanità Caterina Ferrero, «dovranno funzio­nare tutti perché il piano possa funzionare».
Innanzitutto verrà esteso sull’intero Piemonte il “recall” già sperimentato con successo nell’Asl To1. Si tratta semplicemente di una chiamata, che un centralino della Regione fa ai pazienti alcuni gior­ni prima della visita o dell’esame prenotato. Un modo per ricordare a ll ‘ interessato la scadenza ed eventualmente disdire la presta­zione, riassegnando la disponibi­lità. Nel solo 2010 la To1 ha recu­perato in questo modo 12.900 prestazioni (il 6% del totale). Si calcola di recuperarne 800mila in un anno applicando il sistema su tutte le Asl e gli ospedali.

 
L’articolo di Andrea Gatta su CronacaQui in edicola l’11 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners