img_big
Cronaca

Tripoli, raid aerei colpiscono bunker di Gheddafi. Feriti 4 bambini

Notte di fuoco a Tripoli dove si sono udite 5 forti esplosioni riconducibili ad un possibile attacco missilistico Nato contro il compound di Muammar Gheddafi. Lo riferiscono testimoni dell’agenzia Reuters. Un giornalista dell’Afp ha intanto riferito che alcuni velivoli hanno condotto nella notte una serie di violenti attacchi aerei sulla capitale libica, poche ore dopo che altri testimoni avevano riferito di due esplosioni nei pressi delle sedi dei media di Stato libici.

Secondo quanto riferito da funzionari libici durante l’attacco sarebbero rimasti feriti 4 bambini. I piccoli sarebbero stati raggiunti da frammenti di vetro provocati dalle esplosioni. ”Due dei bambini – ha detto un funzionario – sono rimasti gravemente feriti e sono ricoverati in terapia intensiva”.

Fonti ufficiali libiche hanno ricondotto ad un attacco Nato, il secondo in una settimana alla capitale Tripoli, la distruzione di un edificio, sede dell’ Alta commissione per l’infanzia. Non si ha notizia di eventuali vittime. Funzionari libici hanno condotto alcuni giornalisti a vedere l’edificio governativo distrutto, una vecchia costruzione coloniale situata nella zona di Dahmani. I funzionari hanno detto che l’attacco sarebbe avvenuto lunedi’ notte, e sarebbe stato sferrato con un missile. Nelle vicinanze vi sono due torri per le telecomunicazioni situate rispettivamente a 100 e a 700 metri dall’edificio, gia’ danneggiato, secondo le fonti libiche, nel primo attacco, datato 30 aprile. Nessuna delle due torri sembra aver subito danni.

Oggi il ministro La Russa visita la base di Trapani. La situazione in Libia potrebbe anche essere oggetto dei colloqui previsti per oggi tra il ministro degli Esteri Frattini e il segretario di Stato vaticano, card. Bertone, incentrati sui recenti attacchi alle minoranze cristiane in Medio Oriente.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo