img_big
News

Tende, muli e un bicchiere di vino: «Così ci prepariamo all’adunata»

-> Il gran giorno dell’84esi­ma adunata si avvicina, le prime penne nere sono già arrivate a Torino da tutta Italia e nei cinque campi allestiti per accoglierle l’at­tesa si consuma montando le tende, le cucine da cam­po, preparando le piazzole per gli amici in arrivo e festeggiando insieme. «Siamo arrivati stamattina da Reggio Emilia – racconta Silvio Serri nel campo di piazza d’Armi – abbiamo trovato un’accoglienza fan­tastica ». Poco più in là al­cuni compagni di sezione, concedendosi una pausa, rallegrano l’atmosfera into­nando i canti alpini.
U n’organizzazione curata in ogni dettaglio per la se­zione di Padova che occu­pa alcune piazzole di piaz­za d’Armi con un’attrezza­tissima tenda con cucina, brandine e doccia. «Siamo la testa di ponte – spiega Giovanni Flaminio, presi­dente della sezione di Ma­serà – siamo venuti a prepa­rare il campo per gli altri chi deve ancora arrivare, siamo 50 in tutto». Tra un bicchiere di vino e uno di grappa si ride, si scherza e si lavora senza mai abban­donare il proprio cappel­lo.

 

L’articolo di Alessandro Porro su CronacaQui in edicola il 6 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo