img_big
News

“Al Qaeda vendicherà Bin Laden”. A Torino misure straordinarie per gli Alpini

 L’Italia in prima linea, obbiettivo di vendette, ritorsioni, certamente di minacce da parte dell’Islam. Tant’è che nella giornata di ieri il ministro dell’Interno Roberto Maroni ha convo­cato d’urgenza il Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (Gnosis). Un attacco conseguen­za dell’uccisione di Osama Bin Laden e un altro, adombrato da Muammar Gheddafi, dopo il lan­cio dei primi missili italiani sulla Libia e la morte del figlio Seif al-Arab. Tra gli obbiettivi sensibili, uno in particolare riguarda la città di Torino (fonogrammi con disposizioni e allerta già sono stati inviati ieri a Questura e carabinieri) e cioè la manifestazione che inizierà venerdì in città e che vedrà come protagonisti gli Alpini. Non bisogna dimenticare, infatti, come il Corpo sia tutt’ora impegnato in Afghanistan in missione di pace e un attentato a Torino avrebbe un vasta eco e un sinistro e lugubre significato. Sempre a Torino, già da ieri, sono stati intensificati i controlli in aeroporto, nelle stazioni ferroviarie e della me­tropolitana, presso i luoghi di culto cristiani e davanti alla sinagoga.

 

L’articolo di Marco Bardesono e altri particolari su CronacaQui in edicola il 3 maggio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo