img_big
News

Di droga si muore: a Torino 8 vittime in 4 mesi. E la coca ci invade

L’uso delle droghe è sempre meno occasio­nale, i “cocktail” a base di sostanze sintetiche e alcol sempre più fatali e si sono registrate negli ultimi mesi nuove morti per overdose per eroina, ovvero 8 dall’inizio dell’anno che si aggiungono alle 15 dell’estate scorsa, e i motivi sono legati a droghe mal tagliate e nelle quali c’è una alta dose di caffeina, oppure ad un dosaggio eccessivo del principio attivo.
Cresce il consumo di sostanze stupefacenti, tra cui cocaina, eroina, cannnabis, anfetamine ed ecstasy e allucinogeni. I giovani restano il bersaglio più colpito.
Più a rischio. I luoghi del consu­mo sono free party all’aria aperta in grado di chiamare a raccolta un mare di giovani protagonisti del­lo sballo. «Uno sballo che oggi ­come sostengono i medici dei centri di salute delle dipendenze del Piemonte – li porta ad imbat­tersi sempre di più nell’uso iniet­tivo di sostanze come la ketami­na ».
Intanto, se la nostra regione è tra le realtà italiane con il maggior bisogno di trattamento per oppiacei o cocaina, un “indicatore” della vastità del fenomeno del consumo delle dro­ghe resta il fiume Po dove, secondo gli esami di ricerche farmacologiche, scorrono 4 chili di cocaina al giorno: le tracce indicano 40mi- la dosi al giorno (valore annuo più di 100 milioni di euro) oltre il doppio rispetto alle 15mila stimate.

 
L’articolo di Liliana Carbone su CronacaQui in edicola il 29 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo