img_big
News

Berlusconi in soccorso di Coppola: “Basta liste patacca fatte dal Terzo Polo”

 Intervenga direttamente Casini sulle elezioni di Torino, ci pensino i vertici Udc a fermare le «liste patacca» e i «trucchi per ingannare i cittadini». Il pensiero di Silvio Berlusconi si trasforma in un attacco fron­tale ai danni del Terzo polo. Un attacco con cui il presidente del Consiglio entra nella querelle delle liste per il 15 e 16 maggio e viene in soccorso di Michele Coppola. Il premier se la prende con la lista di Mina Coppola, omonima di Michele, una delle sei compagini che sostengono Alberto Mu­sy nella corsa per Palazzo Civico. «È singo­lare – accusa Berlusconi – che il cosiddetto terzo polo (Casini, Fini, Rutelli), sempre pronto a fare la morale su come ci si debba comportare e su come la politica debba essere diversa, utilizzi liste patacca e truc­chi per ingannare i cittadini». E dunque, continua, «spero che i maggiori esponenti dell’Udc a livello nazionale intervengano per impedire questo risibile stratagemma. In caso contrario, il 16 maggio il candidato centrista oltre alle elezioni avrà perso an­che la faccia». Non usa giri di parole, il presidente del Consiglio, quando fa pre­sente che se «il Popolo della Libertà e i suoi alleati hanno scelto Michele Coppola, assessore alla Cultura della Giunta regio­nale, come proprio candidato», per tutta risposta «il cosiddetto Terzo Polo ha sco­vato una sconosciuta signora Mina Coppo­la e le ha intestato una lista a sostegno del suo candidato con l’intento di indurre in errore gli elettori torinesi e racimolare qualche voto in più con la furbizia e l’inganno».

 
L’articolo di Andrea Gatta su CronacaQui in edicola il 21 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo