img_big
Sport

L’Inter si ritrova in Coppa Italia: magia di Stankovic. E la Roma finisce ko

La Coppa Italia è il toccasana dell’Inter. La sfida tra deluse allo stadio Olimpico sancisce la ri­scossa dei nerazzurri contro una brutta Roma, sterile soprattutto nella produzione offensiva, mentre gli ospiti ipotecano il passaggio alla finale del torneo grazie ad un acuto di Dejan Stan­kovic.
Non è una squadra guari­ta, quella di Leonardo, perché tanti sono gli errori in appoggio e perché in attacco le polveri sono ancora bagnate, ma in un mo­mento così difficile il successo nella capitale è una manna dal cielo in vista dello scontro diret­to di sabato contro la Lazio.
BUON AVVIO
La prima delle “deluse” a pren­dere in mano le redini della gara è l’Inter, che per una decina di minuti mantiene costantemente l’iniziativa. Non che questo pro­duca particolari pericoli, se si eccettua il gol giustamente an­nullato a S t a nk o v i c per una spinta su Juan, ma l’impressione è che ai nerazzurri manchi solo qualcuno che concretizzi la mole di lavoro prodotta. Milito, infat­ti, viene anticipato costantemen­te dai centrali avversari, mentre Pandev si piazza largo a sinistra e solo di rado si avvicina al com­pagno di reparto. La Roma esce dall’impasse grazie all’ex Pizar­ro, la cui genialità viene spesso assecondata dai giallorossi. Tra­scinata dal cileno la squadra di Montella reagisce e solo un gros­solano errore di Vucinic (ottimo il suo movimento, pessima la precisione in passaggi e tiri) sal­va l’Inter dall’immeritato svan­taggio. I padroni di casa cresco­no, ci vuole il miglior Lucio per tenere in piedi la baracca, ma i contropiede latitano paurosa­mente.

L’articolo di Mattia Todisco su CronacaQui in edicola il 20 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo