img_big
Cronaca

Migranti, l’Europa scarica l’Italia Maroni: Ha senso restare nell’Ue? Voi cosa ne pensate? dite la vostra

Il consiglio Ue boccia la proposta italiana di protezione temporanea per i profughi dei paesi del Nordafrica, la Francia annuncia che potenzierà i controlli alle frontiere e respingerà i tunisini provenienti dal nostro Paese e il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, prima si chiede “che senso abbia restare nell’Ue” e poi afferma: “Meglio soli che male accompagnati”.

Secondo voi, ha senso restare nell’Ue? Dite la vostra lasciando un commento qui sotto.

L’Ue: scelta prematura
Ratificare la richiesta italiana – ha spiegato il commissario per gli Affari Interni dell’Ue, Cecilia Malmstrom, “sarebbe prematuro”. Condizione necessaria è infatti che ci sia una fortissima pressione di migranti provenienti da paesi in conflitto. E secondo il Consiglio, prosegue Malmstrom, “non ci troviamo ancora in una situazione tale da far scattare il meccanismo”.

“Non diamo consigli all’Italia”
 Malmstrom ha poi aggiunto che “Non spetta alla Commissione europea il compito di dare consigli all’Italia su come gestire il flusso di immigrati”. La Commissaria ha ricordato che l’Europa “ha dato assistenza, messo a disposizione stanziamenti, e inoltre ci sono i fondi strutturali che possono essere utilizzati a Lampedusa. Siamo in contatto continuo con le autorità italiane. Hanno deciso di concedere permessi di soggiorno temporanei, hanno tutti i diritti e i titoli per farlo”.  Malmstrom ha però precisato che affinché tali permessi siano validi per circolare nello spazio Eu, “devono rispettare i criteri previsti dall’Unione europea”. La Commissaria ha anche ribadito che “Bruxelles è in continuo contatto con le autorità italiane” e che “ha già fornito assistenza e stanziamenti” per “alleviare la situazione in loco”.

 
La Francia: respingeremo i tunisini
La Francia, intanto, ha avvisato l’Italia: “Respingeremo i tunisini non in regola – dice il ministro degli Interni – perché la linea dell’Italia non è conforme a Schengen”

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo