img_big
Cronaca

Firenze, alla scoperta del vero volto della Gioconda di Leonardo

Partiranno il prossimo 27 aprile nell’ex convento di Sant’Orsola, a Firenze, le ricerche della tomba di Lisa Gherardini Del Giocondo (1479-1542), la nobildonna fiorentina cui Leonardo da Vinci si sarebbe ispirato per la Gioconda del dipinto esposto al Louvre. Trovare i resti ossei di Monna Lisa e possibilmente risalire al suo Dna per ottenere una ricostruzione della fisiognomica, è l’obiettivo del Comitato nazionale per la valorizzazione dei Beni storici, culturali e ambientali promotore dell’iniziativa con il sostegno della Provincia di Firenze. Un sopralluogo fatto nei giorni scorsi dai ricercatori avrebbe già evidenziato, grazie al georadar, una cripta collocata sotto una delle due chiese dell’ex monastero dove potrebbero essere conservate sepolture del ‘500. Il Dna, è stato spiegato, verrebbe poi confrontato coi resti di due figli di Lisa Gherardini che sono tumulati nella chiesa di Santissima Annunziata a Firenze. Alla ricerca, presentata oggi a Firenze, proprio a cento anni dal celebre furto del dipinto al Louvre, partecipano geologi, antropologi e storici dell’arte.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo