img_big
Cronaca

Processo Ruby senza immagini: telecamere e fotografi restano fuori

Telecamere e macchine fotografiche non saranno ammesse all’interno del Tribunale di Milano il 5 aprile, quando si svolgerà l’udienza preliminare del processo Mediatrade, e il 6, giorno di inizio del processo Ruby. È stata, infatti, revocata attraverso un provvedimento di poche righe firmate dall’avvocato generale dello Stato, Laura Bertolè Viale, e dal procuratore generale Manlio Minale, responsabili della sicurezza nel palazzo, l’ordinanza del presidente del collegio giudicante, Giulia Turri, che ammetteva come unica televisione la Rai, che si era impegnata a cedere le immagini a emittenti di tutto il mondo. Saranno invece consentite le registrazioni audio. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo