img_big
Cronaca

Muore a 7 anni per un’influenza gastrointestinale. Procura apre un’inchiesta

E’ morto a 7 anni per quella che sembrava una normale influenza gastrointestinale. Ma il piccolo stava male ed è stato portato d’urgenza all’ospedale San Matteo di Pavia: rimandato a casa è morto poco dopo. La Procura ha aperto un’inchiesta. A breve dovrebbe essere disposta l’autopsia per chiarire le cause della tragedia.
Il piccolo, dopo aver avuto una banale, a prima vista, influenza, come racconta la “Provincia pavese”, mercoledì non aveva più febbre ma sentiva ancora forti dolori alla pancia. Aveva anche problemi a esprimersi, come dice la mamma Tatiana Mereghetti, 32 anni. “Aveva un ritardo nella comunicazione – dice -, parlava poco ma si faceva capire. Quest’anno, frequentando la prima elementare, stava facendo progressi”.

Così mercoledì il padre ha deciso di portarlo al pronto soccorso dove è arrivato intorno alle 23.30. La febbre non c’era, ma la dissenteria continuava. Il medico, dopo aver visitato il piccolo, lo ha rimandato a casa raccomandando i genitori di idratarlo molto e di nutrirlo con una dieta leggera. Ma il bambino non ha smesso di stare male per tutta la notte, finchè il respiro si è fatto affannoso e il viso terreo. Quando nella casa di Casorate è arrivata l’ambulanza con l’automedica e un rianimatore, il bambino era già in arresto cardiaco.

I tentativi di rianimarlo sono stati inutili. I genitori ora vogliono capire: “Forse se l’avessero trattenuto in ospedale, gli avessero fatto un prelievo del sangue”, dice la mamma. Ora si aspetta l’esito dell’indagine. Anche la direzione sanitaria dell’ospedale ha avviato un’inchiesta interna. Ma il primario del dipartimento materno-infantile del San matteo, il professor Mauro Stronati, dice: “Il medico che l’ha visitato mercoledì notte è un professionista di lunga esperienza. Ha eseguito un accertamento scrupoloso ma il bambino mostrava una dissenteria in remissione e non era disidratato al punto da rendere necessario un ricovero”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo