Cronaca

Dossier Libia, Pdl-Lega: “Ok a risoluzione unitaria”

 Oggi e domani in Parlamento si parlerà della situazione in Libia:  i ministri di Esteri e Difesa, Frattini e La Russa, riferiranno sulla missione e chiederanno il voto delle camere. Vertice a Palazzo Madama con i capigruppo di Pdl e Lega: si’ ad una risoluzione unitaria. Finora gli aerei italiani non hanno usato missili, ribadisce La Russa.

Esito positivo dell’incontro di maggioranza sul dossier Libia. All’incontro, al quale hanno partecipato i capogruppo di Camera e Senato di Lega e Pdl, è stato dato l’ok alla bozza di una risoluzione unitaria.

Maurizio Gasparri lascia il vertice di maggioranza ed appare soddisfatto per la bozza di risoluzione. “C’é stata condivisione da parte di tutti i gruppi di maggioranza. Si tratta di una posizione unitaria di Pdl, Lega e Ir sulla quale spero possa esserci convergenza degli altri gruppi parlamentari”, spiega il presidente dei senatori del Pdl. Con l’opposizione ancora nessun contatto: “Non ho ancora sentito la Finocchiaro, anche perché abbiamo appena concluso la riunione – spiega Gasparri – ma l’opposizione riceverà la bozza presto”. Quanto ai contenuti il senatore sottolinea che “non si tratta di un testo di compromesso”. “E’ un testo più ampio e analitico rispetto a quello votato dalle commissioni. E’ diverso”, fa eco il vice-capogruppo Gaetano Quagliariello.

Il Pd favorevole a che nell’Aula di Senato e Camera si voti unitariamente una risoluzione sulla missione in Libia analoga a quella votata venerdì scorso dalle commissioni Esteri, con l’appoggio di tutti i gruppi presenti, escluse Lega e Idv che erano assenti. E quanto è emerso alla riunione del coordinamento del Pd, che è ancora in svolgimento nella sede del partito. I Democratici attendono di vedere il testo della risoluzione della maggioranza per decidere l’atteggiamento su di essa, ma diversi partecipanti al coordinamento sottolineano che il Pd non darebbe l’assenso a testi “pasticciati” che contenessero il blocco navale contro i profughi.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo