img_big
Cronaca

Maroni, attesi 50mila profughi. Il sì delle Regioni all’accoglienza

Regioni province e comuni hanno dato il loro consenso alla richiesta di accogliere fino a 50mila migranti, ”un numero molto realistico”. Lo ha detto il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, al termine di un incontro con i presidenti di regioni, Anci ed Upi. Il piano, ha aggiunto Maroni, ”lo stiamo mettendo appunto e sarà presentato nei prossimi giorni. Nella distribuzione dei migranti terremo conto del numero di abitanti per ciascuna regione”.

 

li immigrati sbarcati a Lampedusa superano ormai i residenti. Dopo le migliaia che hanno raggiunto l’isola nei giorni scorsi, sono arrivati tre barconi con altri 290 persone a bordo. Due sbarchi, il primo di 105 persone e il secondo di 22, sono avvenuti nella notte mentre l’ultimo barcone – con a bordo 164 persone tra cui un minore – è entrato in porto scortato da una motovedetta delle Capitanerie di porto poco dopo le 8 del mattino.
I profughi sono oltre 5600 i profughi, mentre i residenti sui 5mila. A Lampedusa, dove oggi è previsto l’arrivo della nave militare San Marco che dovrebbe evacuare un migliaio di immigrati e di una delegazione del comitato parlamentare di controllo sull’accordo di Schengen guidata dal presidente Margherita Boniver, la situazione resta tesa. Il sindaco Bernardino De Rubeis e la popolazione sollecitano l’immediato trasferimento dei profughi; una posizione condivisa anche da numerose organizzazione umanitarie come l’Alto commissariato Onu per i rifugiati.
 Riunione al Viminale tra il ministro dell’Interno Roberto Maroni e i rappresentati degli enti locali: il governo assicura provvedimenti “immediati” ed una lista di strutture per l’accoglienza. Nel 2011, secondo i dati del Viminale, sono già sbarcati in Italia 15 mila migranti. Il ministro Maroni avverte del rischio terroristi e criminali tra i libici in fuga dal Paese in guerra. Ancora giallo sul rimorchiatore con otto italiani d’equipaggio che naviga in acque libiche con miliziani a bordo.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo