img_big
Sport

Urbano, ultimo bluff «A fine anno lascio». Ma pochi gli credono

«Sarà la volta buona o è il solito bluff di Urbano Cairo?». È la domanda, legittima, che tifosi e addetti ai lavori si stanno ponendo dopo l’ultima uscita del presidente granata. Domenica scorsa, dopo aver esonerato Papado­pulo e richiamato Lerda ha dichiarato: «A giugno lascio il Toro, anche in caso di serie A». Nessuno però è pronto a scommetterci su un solo euro e tanto meno a metterci la mano sul fuoco che a luglio il Torino Fc avrà un nuovo padrone.
Quella del massimo dirigente granata, semmai, ha tanto il sapor di ultima trovata (una delle tante) per spostare l’obiettivo di critica e tifosi lontano dalla squadra. È così che Cairo sta provando a ricompattare il Toro peggiore della storia, ad isolarlo, per poi tentare la volata finale verso la massima serie. «Devono essere settanta giorni di fuoco», ha ribadito ieri pome­riggio il presidente Cairo parlando alla squa­dra. Il suo blitz alla Sisport è servito a rassicu­rare la squadra e a spiegare i perché di un dietrofront inaspettato dopo solo due partite.

 
L’articolo di Andrea Scappazzoni Paolo Casamassima su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo