img_big
Cronaca

Referti medici all’indirizzo sbagliato: donna non si cura e muore per un tumore al seno

Morta per un errore di battitura. Una donna inglese affetta da cancro non ha potuto curarsi perché i referti medici venivano inviati ad un indirizzo sbagliato. Al posto del civico 16 il medico inviava le lettere riguardanti la patologia all’1b: la paziente non le ha mai ricevute ed è rimasta all’oscuro della sua malattia. La storia raccontata dal quotidiano britannico “The Times” è finita davanti al giudice che ha sentenziato che la donna, morta nel 2003 e madre di un bambino di 8 anni, aveva il 92% di possibilità di salvarsi. Quando l’ha saputo era troppo tardi: le cure palliative le hanno concesso appena due anni di vita. In una prossima udienza sarà deciso l’ammontare della cifra di indennizzo da parte degli assicuratori dello staff medico che spetta al figlio, oggi 17enne.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo