img_big
Cronaca

Inferno a Marassi, tre anni di carcere a Ivan il terribile

Ivan Bogdanov, l’ultrà serbo che scatenò l’inferno a Marassi il 12 ottobre scorso durante la partita contro l’Italia, è stato condannato a tre anni e tre mesi di reclusione.

Il processo con rito abbreviato ai danni di Ivan “il terribile” e di altri tifosi serbi fermati durante i disordini si è svolto questa mattina alle 10 presso il Tribunale di Genova. L’udienza si e’ svolta davanti al gup (giudice udienza preliminare) Annalisa Giacalone, in aula della Corte d’Assise d’Appello.

Oltre a Bogdanov, gli altri imputati sono Nicola Klicovic, Daniel Janjic e Srdan Jovetic, per i quali il pubblico ministero Cristina Camaiori ha chiesto rispettivamente 3 anni, 2 anni e 8 mesi e 2 anni e 6 mesi.I reati loro contestati, a vario titolo, sono quelli di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Contestati, in base alla legge del 13 dicembre 1989, anche i reati in materia di comportamenti all’interno degli stadi. Ivan Bogdanov era stato ripreso dalla televisione mentre, con il viso coperto da un passamontagna, incitava i suoi connazionali. Dopo l’arresto aveva detto che non era sua intenzione far sospendere la partita e aveva chiesto scusa all’Italia e agli italiani

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo