img_big
Cronaca

Romani sotto stress: uno su quattro soffre di attacchi di panico

Roma capitale del panico. Secondo un sondaggio effettuato dalla Swg di Trieste in collaborazione con l’Istituto di neuroscienze globale (Isneg), circa un romano su quattro tra i 18 e i 60 anni soffre di attacchi di panico. Le più colpite risultano le donne, laureate e di età compresa tra i 25 e i 54 anni.
Il direttore dell’Isneg Rosario Sorrentino spiega che a soffrire di questo disturbo sono oltre 350mila (il 23%) “mentre altri 300mila, il 21%, soffrono di attacchi sporadici. Una percentuale elevatissima se si considera la diffusione della patologia anche in fase adolescenziale e tra gli over 65”.

L’indagine è stata presentata stamani in Campidoglio dal presidente della commissione Sicurezza del Comune, Fabrizio Santori, e dallo stesso professor Sorrentino che ha parlato di “Roma città del panico, perché nella capitale l’incidenza degli attacchi, soprattutto occasionali, è superiore alla media nazionale. Tra le cause ci sono stress, scarsa attività fisica, pigrizia, predisposizione genetica”.

Palpitazioni, sudorazione, tremori, sensazione di soffocamento, nausea, paura di impazzire, o di morire, sono alcuni dei sintomi tipici dell’attacco di panico, “i cui effetti”, aggiunge il professor Rosario Sorrentino, “possono essere amplificati dall’interazione con l’ambiente urbano”. L’aspetto più importante è “evitare la cronicizzazione: affidarsi a veri esperti ed evitare il fai da te, adottare una cura medico-farmacologica sin dal primo presentarsi del disturbo, evitare invece lunghe terapie psicanalitiche che favoriscono la cronicizzazione stessa”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo