img_big
Cronaca

Mike, il giallo del riscatto da 300mila euro

“Nessuna richiesta di riscatto” è finora arrivata finora alla famiglia di Mike Bongiorno per la restituzione della salma trafugata del presentatore nella notte tra il 24 e il 25 gennaio scorso dal cimitero di Dagnente di Arona (Novara). “E’ una bufala”, ha confidato Nicolò Bongiorno a un amico di famiglia.

Investigatori e familiari smentiscono la notizia secondo cui i sequestratori, dopo avere pubblicato indicazioni in codice su giornali svizzeri, avrebbero chiesto 300 mila euro alla famiglia per averle riavere la salma. La somma avrebbe dovuto essere gettata da un treno in corsa, ma poi una telefonata di uno dei ladri avrebbe fatto saltare in extremis l’operazione. Al momento, quindi, agli investigatori sarebbero soltanto arrivate telefonate o messaggi di mitomani, squilibrati o sedicenti veggenti.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo