img
Sport

A Firenze l’Inter non fallisce. Nerazzurri a 5 punti dal Milan

 Leonardo aveva ragione: l’Inter non è morta. Evitati i drammi, i campioni del mondo riprendono a marciare con un fondamentale successo in casa della Fio­rentina, nel secondo recupero di campio­nato dovuto alla pausa per il Mondiale per club. La classifica, da oggi, non è più virtuale, e grazie all’autorete di Campo­rese e al guizzo vincente di Pazzini il Milan è ora a cinque lunghezze con lo scontro diretto ancora a disposizione e il morale alto per la vittoria su un campo molto difficile da espugnare.
VANTAGGIO IMMEDIATO
La squadra ospite è molto “leonardesca”: baricentro alto, centrocampisti che s’in­seriscono continuamente a discapito di una fase difensiva difficile da gestire per i centrali. Due le varianti rispetto alle ulti­me uscite: Eto’o resta largo, ma agisce soprattutto sulla fascia destra, mentre sul settore opposto il tecnico nerazzurro può contare sulla spinta di Nagatomo, che si alterna nelle folate in fascia con il solito, attivissimo Maicon. La Fiorentina è co­stretta presto a cambiare i propri piani per effetto dell’autorete di Pasqual, gene­rata dal cross di Eto’o. La stessa Inter si abbassa per chiudere gli spazi e sfruttare il contropiede, anche se le occasioni per superare la metà campo non sono moltis­sime. I viola, infatti, prendono presto possesso del centrocampo e impegnano più volte la retroguardia avversaria, nella quale svetta Ranocchia più del balbettan­te Cordoba

L’articolo di Mattia Todisco su CronacaQui in edicola

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo