Claudio Marchisio
Sport

VERSO LA SUPERCOPPA ITALIANA. Marchisio carica la Juve: “Chiudere il 2016 vincendo”. E Marotta replica a Berlusconi

Prima sgambata dei bianconeri nel caldo di Doha. L’ad bianconero usa l’ironia: “Cambiare arbitri e guardalinee? Noi abbiamo iniziato dalle bandierine dello Stadium…”

Claudio Marchisio è carico in vista della Supercoppa Italiana che venerdì vedrà protagoniste Juventus e Milan. Nel caldo di Doha, dove i bianconeri stamattina sono scesi in campo per un leggero lavoro atletico, utile a sciogliere i muscoli dopo le sei ore di volo di ieri, il Principino non si pone limiti: “Vogliamo chiudere questo 2016 nel migliore dei modi: con un altro trofeo”. Ma guai a sottovalutare gli avversari: “E’ una partita secca, giochiamo contro una squadra che ha fatto molto bene nella prima parte della stagione – ha detto in un’intervista al sito ufficiale della Juve -. Dovremo fare molta attenzione per riuscire a portare questo trofeo a casa”.

VERSO JUVENTUS-MILAN, IL PRECEDENTE IN CAMPIONATO. Lo scontro diretto in Serie A ha premiato il Milan. “Quella sconfitta rossoneri ci ha insegnato che non bisogna sottovalutare nessun avversario: se non si mette grande concentrazione, e tanta voglia, si può rischiare con chiunque – aggiunge Marchisio -. Questo vale ancora di più in una finale come questa, dove se sbagli qualcosa la partita si può mettere male in un attimo, ed è difficile poi recuperarla- Da parte loro ci sarà grande voglia di riscatto, considerata la sconfitta nella finale di Coppa Italia. Sappiamo che arriveranno qui molto agguerriti per provare a strapparci questo trofeo…”.

SUPERCOPPA ITALIANA, MAROTTA RISPONDE A BERLUSCONI. Ha usato l’ironia, l’ad bianconero per replicare alla battuta di Berlusconi, secondo il quale per battere la Juventus bisogna “cambiare arbitri e guardalinee”. “Intanto – scherza Marotta in una intervista pubblicata sul sito internet del club bianconero – abbiamo cominciato a cambiare tutte le bandierine del calcio d’angolo nel nostro Stadio che – caso unico in Italia – portano il logo della Juventus…”.

Poi il dirigente della Juve torna serio: “Cambiare gli arbitri? Per noi non è un problema, noi restiamo vincenti e partiamo per trionfare sempre, come racconta il nostro palmares. Abbiamo vissuto un 2016 straordinario e vogliamo coronarlo al meglio vincendo quello che in contemporanea è il primo trofeo della stagione e l’ultimo dell’anno solare. In un momento complicato il Milan è stato bravo a fare di necessità virtù e a inserirsi nella lotta per le prime posizioni con noi, Roma e Napoli. Ma noi dobbiamo essere all’altezza del ruolo in cui la storia ci ha sempre messi, vogliamo aggiungere un altro trofeo alla nostra ricca bacheca, e vogliamo farlo con quelli che da sempre sono i nostri mezzi: coesione, tranquillità e consapevolezza”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo