img
Sport

Caster Semenya alla Notturna di Milano

Solo qualche giorno fa gli organizzatori della Notturna sceglievano il profilo basso. «È ancora presto per avere qualche nome che animerà l’undicesima edizione del meeting milanese ­dicevano -. Quello che possiamo dire, però, è che sarà sicuramente un manifestazione di buon livello con tanti esponenti di spicco dell’atletica italiana e internazionale». Il primo colpo il comitato organizzato­re l’ha sferzato ieri pomerig­gio. «Da tempo gli organizza­tori sono all’opera per cercare di mettere insieme un cast importante. Oggi (ieri per chi legge, ndr) è arrivato il primo colpo. Caster Semenya sarà presente al meeting. Per noi si tratta di un primo grande no­me, che siamo sicuri farà da traino a tanti altri».ALL’ARENALa campionessa del mondo negli 800 metri sarà così fra le protagoniste della Notturna di Milano, la kermesse internazionale in programma il pros­simo 9 settembre all’Arena Gianni Brera. L’accor­do è stato raggiunto a Montecarlo dal manager dell’atleta sudafricana, il finlandese Jukka Har­konen, e Gianni De Madonna, manager per gli atleti del meeting meneghino. «Stiamo lavorando per una grande manifestazione – spiega il presi­dente del comitato organizzatore Franco Angelot­ti – e Semenya ne è la prova. Ora l’obiettivo è portare in pista un grande sprinter e il meglio dell’atletica azzurra, che siamo certi sarà protago­nista ai Campionati Europei di Barcellona».SEMENYA, UN CASOOro ai Mondiali di Berlino dello scorso anno, Caster Semenya era stata fermata dalla Federazio­ne internazionale in attesa dei risultati sui test ai quali è stata sottoposta per appu­rare che fosse effettivamente una donna. Uomo non sviluppato, ermafrodito, vera ragazza 19en­ne, il mistero rimane. I risultati dei test non sono stati infatti sve­lati per un accordo firmato dalla Federazione con i legali della Semenya. Pochi giorni fa l’ok della Iaaf ha messo la parola fine all’esilio dalle gare: Caster, da vero generale, ha vinto la sua battaglia e può tornare in pista. Non esisterebbe infatti una norma che che regola casi come questo: non esitendo parametri certi per valutare il sesso di un atleta e non esistendo sanzioni, la situazione rimane congelata a un anno fa. Altro nome già svelato quello di Oscar Pistorius al via nei 400 metri. Affezionatissimo della Notturna – la scorsa edizione gli fu anche consegnato il primo premio “Atletica-Candido Cannavò” – il campione paralimpico cercherà il minimo per i Mondiali 2011.Laura Vittori

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo